• 09 Aprile 2017
  • 117

Troppa Virtus per le Furie.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA - PROGER PALLACANESTRO CHIETI 91-71 (35-19; 52-38; 78-58).

Pesante sconfitta esterna per le Furie, costrette ad arrendersi allo strapotere Virtus (91-71). I teatini, penalizzate sin da subito dall’efficace giro palla delle V nere, quasi sempre finalizzato con una realizzazione dalla lunga distanza in una serata che ha visto le percentuali al tiro sorridere ai padroni di casa, sono state costrette ad inseguire per tutti e quaranta i minuti di gioco. Duo USA bolognese da stropicciarsi gli occhi (22 punti per Umeh e 15 per Lawson), per i biancorossi sono da segnalare le buone prestazioni di Golden (29 punti) e capitan Sergio (10 punti), con Mortellaro ben contenuto sotto le plance (un solo rimbalzo conquistato).

CRONACA

Alla contesa iniziale i padroni di casa si presentano con Spissu, Umeh, Rosselli, Ndoja e Lawson rispondono le Furie con Golden, Piccoli, Davis, Allegretti, Mortellaro. La Virtus, sin da subito, prova a lasciare la propria impronta e, grazie alle bombe di Spissu e Umeh si porta subito sul 6-0 ma le Furie, grazie al 2/2 di Mortellaro a cronometro fermo e alla tripla di Piccoli, rientrano subito in partita (6-5). La Proger, chiudendo l’area in maniera maniacale, si espone in maniera pericolosa al tiro dall’arco Virtus e gli uomini di Ramagli, in una serata di straordinaria grazia ne approfittano, costringendo coach Bartocci a chiedere il minuto di sospensione dopo poco più di sei minuti dall’avvio del match (21-13). Alla ripresa del gioco però l’andamento del match non cambia, con la Virtus che prova a ritagliarsi un vantaggio importante  sin dal primo quarto, tirando con alte percentuali e raccogliendo numerosi rimbalzi e con Chieti che, grazie alle penetrazioni di Golden, prova a limitare come può il gap. Dopo 10 minuti, il risultato si attesta sul 35-19. I migliori marcatori del primo periodo sono uno straordinario Umeh da 14 punti (1/1 da 2, 4/5 da 3 per un parziale da 21 di valutazione) e il solito Trae Golden che con i suoi 10 punti prova a scuotere i suoi.

Dopo il primo mini intervallo le Furie provano a rientrare in partita con un parziale di 4-0 firmato Zucca-Golden (35-23) e, dopo il canestro di Spissu e l’1/2 dalla lunetta di Golden, coach Ramagli chiama la prima sospensione del gioco per discuterne con i suoi (37-24 a 07:48 dalla pausa lunga). I padroni di casa rientrano in campo con tutt’altro piglio e trainati da un gran Oxilia (5 punti in meno di due minuti), costringono coach Bartocchi a chiamare timeout (42-25 a 04:27). I biancorossi, con Golden e Sergio provano ad accorciare il margine tra le due squadre ma lo straripante attacco virtussino è incontenibile e i due team giungono alla pausa lunga sul 52-38. Sugli scudi, per i padroni di casa Umeh (14 punti) e un Lawson pericoloso  sia dall’arco che da sotto canestro (13 punti) mentre per i biancorossi è in doppia cifra il solo Golden (18 punti, 6/7 da 2, 1/1 da 3). 

Alla ripresa delle ostilità la Virtus continua a premere il piede sull’acceleratore e con il canestro di Rosselli e la tripla di Umeh, in poco più di un minuto, si ritaglia un mini parziale di 5-0 (57-38). I biancorossi accennano una timida reazione e con i liberi di Mortellaro e i canestri di Allegretti si riportano a meno 13 (57-44 a poco meno di sette minuti dall’ultimo mini intervallo). Le V nere, per nulla abbattute, rispondono con la tripla di Ndoja (60-44). Chieti sembra crederci e con un altro mini break di 4-0 (1/2 dalla lunetta di Mortellaro e tripla di Piccoli) si porta sul -12 (60-48). Nel momento di maggior spolvero teatino, le triple di un Umeh da sogno (toccata quota 22 punti) e i canestri di un immarcabile Ndoja (14 punti con 1/1 da 2 e 4/5 da 3) portano la Virtus a toccare al trentesimo quota 20 punti di vantaggio (78-58). 

L’ultimo periodo, apertosi con una tripla di Sergio dopo il canestro di Pajola spinge coach Ramagli a chiamare un minuto di sospensione (80-61 .Proprio capitan Sergio, uno degli ultimi a demordere, realizza un 2/3 dalla lunetta (80-63). Gli ultimi cinque minuti sono di pura accademia. Il buzzer beater di Penna da centrocampo fa attestare il risultato finale sul 91-71.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA - PROGER PALLACANESTRO CHIETI 91-71 (35-19; 52-38; 78-58)

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 91: Spissu 8 (1/2 da 2, 2/4 da 3), Umeh 22 (2/3 da 2, 6/10 da 3), Pajola 6 (3/3 da 2, 0/2 da 3), Spizzichini 2 (1/2 da 2, 0/3 da 3), Ndoja 14 (1/1 da 2, 4/6 da 3), Rosselli 9 (4/5 da 2, 0/1 da 3, 1/2 ai liberi), Michelori 5 (2/3 da 2, 1/1 ai liberi), Oxilia 5 (2/2 da 2, 1/2 ai liberi), Penna 5 (1/3 da 2, 1/3 da 3), Lawson 15 (3/5 da 2, 3/4 da 3), Bruttitni NE. 

PROGER PALLACANESTRO CHIETI 71: Golden 29 (8/13 da 2, 2/3 da 3, 7/8 ai liberi), Mortellaro 9 (3/4 da 2, 3/5 ai liberi), Allegretti 4 (2/4 da 2), Fallucca 3 (1/3 da 3), Venucci 1 (0/2 da 2, 0/5 da 3, 1/2 ai liberi), Piccoli 8 (0/2 da 2, 2/2 da 3, 2/2 ai liberi), Zucca 2 (1/1 da 2, 0/1 da 3), Sergio 10 (1/4 da 2, 2/3 da 3, 2/3 ai liberi), Davis 5 (1/2 da 2, 1/5 da 3).

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 91: 20/29 da 2, 16/33 da 3, 3/5 ai liberi, 37 rimbalzi (di cui 12 offensivi) (Ndoja 6 di cui 2 offensivi), 16 assist (Spissu 6).

PROGER PALLACANESTRO CHIETI 71: 16/32 da 2, 8/22 da 3, 15/20 ai liberi, 19 rimbalzi (di cui 5 offensivi) (Sergio e Davis 4), 13 assist (Piccoli 4).

 

FURIE COMMUNICATION AND PRESS OFFICE

FEDERICO IONATA