• 16 Aprile 2017
  • 163

Furie di lotta e di ... resurrezione.

PROGER PALLACANESTRO CHIETI- ORASI’ RAVENNA 85-75 (25-15;47-31;66-52).

L’essere tornati alla vittoria contro la quotatissima Orasì Ravenna forse non basterà ad evitare il calvario dei layout ma di certo è servito a ridare grande entusiasmo e tanta fiducia alle Furie e ai suoi tifosi . Sin dalle prime battute la Proger ha dimostrato di credere ancora nella salvezza diretta e, per una volta, il buon gioco espresso dai padroni di casa è stato ripagato con i due punti finali. Nei primi due quarti, una straordinaria attenzione in fase difensiva e un buon giro palla unito a delle più che discrete percentuali al tiro hanno permesso agli uomini di coach Bartocci di giungere alla pausa lunga sul 47-31, limitando nel migliore dei modi l’atletismo dei centri romagnoli. Alla ripresa delle ostilità le Furie sono state quanto mai abili nel contenere le sfuriate offensive dei giallorossi e, grazie ad un’ottima prestazione collettiva, ad avere la meglio su una mai doma Ravenna (85-75). I top scorer dei biancorossi sono Davis (23 punti, 8 rimbalzi e 9 falli subiti) Golden (20 punti e 11 assist), Mortellaro (12 punti e 11 rimbalzi) e il decisivo Marco Allegretti, capace di caricarsi la squadra sulle spalle nei momenti cruciali della gara (13 punti per un complessivo 15 di valutazione). Per i ravennati invece, ottima prestazione per Marks (21 punti e 5 falli subiti) e Smith, capace di siglare 19 punti (e raccogliere 10 rimbalzi) negli ultimi 20 minuti di gioco.

CRONACA

Nell’ultimo match casalingo le Furie scendono in campo con Golden, Piccoli, Davis, Allegretti, Mortellaro rispondono i ravennati di coach Antimo Martino con Tambone, Crusca, Marks, Masciadri, Smith. L’incontro si dimostra vibrante sin dalle prime battute, con Ravenna lesta a realizzare da oltre l’arco con Masciadri a cui però le Furie rispondono con una bomba di Davis. Chieti, conscia dell’importanza della gara quanto mai da dentro o fuori, prova a pigiare sin dalle prime battute il piede sull’acceleratore e grazie ai canestri del duo americano Golden Davis costringe un indemoniato Antimo Martino a chiedere un minuto di sospensione a 02:48 dal primo mini intervallo, con il punteggio che arriva sul 16-9 grazie al canestro di Mortellaro.  Ravenna esce bene dal timeout e grazie alla mano ferma di Masciadri e Marks a cronometro fermo si riporta sul - 3 in poco più di 30 secondi (16-13). Chieti, facendo rifiatare Mortellaro, trova i punti da un caldissimo Zucca, molto bravo a tenere in difesa su Chiumenti e Smith e altrettanto bravo a siglare 5 punti in un amen. Dopo 10 minuti di gioco, grazie al sangue freddo di Davis dalla lunetta, si giunge sul risultato di 25-15, con un sontuoso Cade Davis autore di 11 punti. 

Il secondo quarto si apre con entrambe le squadre che, consapevoli dell’importanza della posta in palio, commettono per troppa tensione facili errori anche da sotto canestro. E’ Chieti che con il 2/2 a cronometro fermo di Davis sposta per prima il punteggio, dopo quasi due minuti dall’avvio del secondo quarto. Raschi risponde dopo una grande penetrazione per i ravennati ma l’attacco ospite soffre terribilmente la zona messa in campo da coach Bartocci e coach Martino, a poco più di sei minuti dalla pausa lunga chiede un minuto di sospensione (32-17). In uscita dal timeout Ravenna perde palla e un ispiratissimo Davis continua a dettar legge, realizzando da solo tanto quanto hanno realizzato gli ospiti in 15 minuti (34-17). I giallorossi non ci stanno e piazzano un pesante 2-9 di parziale, con Bartocci che questa volta è costretto a chiamare timeout (36-25 a quattro minuti dalla pausa lunga). Chieti dimostra la propria voglia di vincere e e ripiazza grazie ai pick’n roll centrali del duo Golden-Mortellaro un controbreak di 6-0 (43-26). Ravenna prova a rispondere come può ma Chieti è cinica e, sulla bomba a fil di sirena di Crusca, si giunge alla pausa lunga sul 47-31. Dopo i primi venti minuti i top scorer dei teatini sono Davis (17 punti e sei rimbalzi), Golden (15 punti e 3 assist) e Mortellaro (10 punti e sei rimbalzi) mentre per Ravenna Marks è l’unico giocatore in doppia cifra (10 punti). Menzione d’onore per la difesa teatina, capace di limitare in fase difensiva i lunghi ravennati (Marks 0 punti e 2 falli), Chiumenti (4 punti tutti dalla lunetta e 3 falli) e abile nel girar velocemente palla in fase offensiva, raccogliendo così numerosi rimbalzi e sfruttando gli uno contro uno con accoppiamenti difensivi favorevoli. 

Alla ripresa delle ostilità Ravenna prova con le unghie e con i denti a rientrare nella contesa: Smith si sblocca ma Mortellaro e Golden non stanno a guardare e, con l’ormai collaudato pick’n roll centrale continua a ferire la retroguardia ospita (51-33 dopo sei minuti dalla ripresa delle ostilità). Il duo americano ospite prova a caricarsi il proprio team sulle spalle ma il canestro dalla media di Piccoli e la bomba dalla lunga distanza di Fallucca sbloccano i padroni di casa che non ne vogliono sapere di fermarsi. La bomba di Allegretti dalla lunghissima distanza stropicciare gli occhi  al pubblico casalingo (49-31) ma un redivivo Smith e Tambone dalla lunetta piazzano un parziale di 6-0 per i giallorossi (49-37). Gli ultimi tre minuti dell’ultima frazione vedono entrambe le squadre andare a segno con continuità. Allegretti lotta senza paura con Smith e alla bomba di Venuccci risponde quella di Marks, a segno con un grande gesto atletico. Dopo trenta minuti il risultato si assesta sul 66-52 per i padroni di casa. 

Gli ultimi dieci minuti si aprono nel segno di un indemoniato Marks che, con il suo atletismo sotto le plance, riporta i suoi sul -10 (66-56), costringendo Bartocci a chiamare timeout dopo neanche un minuto di gioco. Ritornando sul parquet, Raschi, ex di giornata, realizza una fantasmagorica bomba (66-59) e le Furie sembrano rivedere i fantasmi del passato. Neanche a dirlo e Fallucca, con un pazzesco gioco da 3+1, suona la carica per i suoi (70-59 a 07:39 dal termine dell’incontro). Chiumenti non demorde e, spalle a canestro sigla il -9 (70-61) ma le Furie, trascinate da un PalaTricalle infuocato, realizzano ancora con Allegretti da oltre l’arco (73-61). Piove sul bagnato in casa ravennate, con Chiumenti che, commettendo la sua quinta penalità, è costretto ad abbandonare l’incontro. Coach Antimo Martino, nonostante ciò, scuote i suoi che sono abili a riportarsi sul -6 grazie al canestro più fallo di Sabbatini (76-70 a 03:45 dal termine dell’incontro) ma Allegretti, one man show in questo frangente, spezza le gambe agli ospiti con una poderosa tripla (79-70). Coach Martino chiama nuovamente timeout ma Chieti, essendo consapevole degli errori commessi nelle precedenti partite, è praticamente perfetta e le mani dei suoi atleti non tremano. Marks continua il suo personale feeling con il canestro ma la Proger è abilissima nel far gestire a Davis gli ultimi possessi, con l’americano biancorosso che cerca di far scorrere il più possibile il cronometro ed è abile a perforare la difesa ospite con delle penetrazioni negli ultimi secondi di possesso. Al suono della sirena finale è la Proger a festeggiare (85-75) e il pubblico in festa può tornare finalmente ad applaudire i propri beneamini.  

PROGER PALLACANESTRO CHIETI- ORASI’ RAVENNA 85-75 (25-15; 22-16;19-21; 19-23)

PROGER PALLACANESTRO CHIETI 85: Golden 20 (5/14 da 2, 2/2 da 3, 4/6 dalla lunetta), Mortellaro 12 (6/13 da 2), Allegretti 13 (2/3 da 2, 3/4 da 3, 1/1 ai liberi), Fallucca 7 (2/2 da 3, 1/1 ai liberi), Turel 0, Venucci 3 (0/1 da 2, 1/2 da 3), Piccoli 2 (1/1 da 2, 0/1 da 3), Ippolito NE, Zucca 5 (2/4 da 2, 1/2 dalla lunetta), Sergio 0 (0/1 da 3), Davis 23 (6/11 da 2, 1/5 da 3, 8/9 ai liberi).

ORASI’ RAVENNA 75: Smith 19 (8/10 da 2, 3/5 dalla lunetta), Scaccabarozzi NE, Sgorbati NE, Chiumenti 8 (1/2 dalla lunetta, 6/8 ai liberi), Marks 21 (5/8 da 2, 2/3 da 3, 5/6 ai liberi), Raschi 7 (1/5 da 2, 1/3 da 2, 2/2 dalla lunetta), Masciadri 9 (3/4 da 2, 1/4 da 3), Tambone 5 (0/2 da 2, 1/3 da 3, 2/2 dalla lunetta), Crusca 3 (1/2 da 3), Seck NE, Sabbatini 3 (1/4 da 2, 0/3 da 3, 1/1 dalla lunetta).

PROGER PALLACANESTRO CHIETI 85: 22/47 da 2, 9/17 da 3, 14/18 ai liberi. 32 rimbalzi (di cui 11 offensivi) (Mortellaro 11), 21 assist (Golden 11). 

ORASI’ RAVENNA 75: 19/35 da 2, 6/18 da 3, 19/24 ai liberi. 25 rimbalzi (di cui 8 offensivi) (10 Smith), 10 assist (4 Tambone).

 

FURIE COMMUNICATION AND PRESS OFFICE

FEDERICO IONATA