• 17 Maggio 2017
  • 283

DURI A MORIRE, RISCATTO FURIE CHE SI AGGIUDICANO GARA 2.

PROGER CHIETI - UNIEURO FORLI’ 82-77 (16-24; 34-35; 57-56).

Sostenuta da un pubblico generosissimo, le Furie Proger lottano gagliardamente per tutti i quaranta minuti di gioco, ritrovando orgoglio e determinazione, nonostante la pesante assenza di Marco Allegretti e imponendosi per 82-77 contro una mai doma Unieuro Forlì. Gara a tratti nervosa e caratterizzata da primi venti minuti nervosi e non privi di errori da entrambe gli schieramenti. Dopo la pausa lunga però i padroni di casa, trascinati dal solito Golden (21 punti e 6 assist), da un imponente Mortellaro (19 punti e 17 rimbalzi), da un Davis finalmente in formato super (16 punti, tutti negli ultimi venti minuti), da un capitan Sergio in gran spolvero (13 punti) ma soprattutto da una buona prestazione di squadra, con una difesa finalmente salda e compatta, riescono a far propria una gara di importanza vitale per la permanenza nella categoria. 

CRONACA:

Alla contesa iniziale le Furie si presentano con Golden, Piccoli, Davis, Sergio, Mortellaro, risponde coach Valli schierando sul parquet Adegboye, Bonacini, Johnson, Castelli, Amoroso. 

Chieti parte subito forte andando a segno con capitan Sergio e Mortellaro, che sfiora il 2+1 fallendo il tiro dalla linea della carità (4-0). Castelli è il più in palla dei suoi e con un tiro dalla media e un 1/2 dalla lunetta riporta subito i suoi in gioco (4-3). Mortellaro continua a lottare determinato sotto le plance, realizzando e raccogliendo rimbalzi ma Amoroso dalla lunga distanza non perdona, pareggiando la contesa sul 6-6 dopo meno di tre minuti dalla palla a due. Mortellaro e Golden continuano a trascinare l’attacco teatino ma Amoroso, la tripla di Adegboye e il tiro dalla media dopo un’ottima finta di Pierich consegnano agli ospiti il primo vantaggio (12-13) a quattro minuti dal primo mini intervallo. Ferri con una tripla costruita dal palleggio, Rotondo dalla lunetta e su tap in, Pierich e Paolin dopo una gran giocata aumentano il gap tra le due squadre, con Chieti che realizza solo con un 1/2 e con una bomba di un più che discreto Turel. Dopo dieci minuti gli ospiti sembrano in pieno controllo della gara, con una Chieti un po’ troppo remissiva che sembra non avere le idee chiare in fase offensiva e subisce le percentuali più che discrete degli ospiti (16-24).

Il secondo periodo però, vede la Proger scendere sul parquet molto più determinata, iniziando a lottare su ogni pallone, sospinta dai poco numerosi ma calorosi spettatori. Golden continua ad essere un rebus per la difesa ospite e Valli, per provare a discuterne coi suoi, chiama timeout. Le difese, complice anche una prestazione sottotono da parte di entrambi gli attacchi, hanno la meglio e per vedere il primo canestro realizzato in questa frazione degli ospiti, bisognerà attendere quasi quattro minuti, con un presente Paolin a cui non trema la mano (18-26). Golden continua a fare il bello e il cattivo tempo in fase realizzativa ma Ferri punisce nuovamente dalla lunga distanza la difesa dei padroni di casa, concedendo nuovamente agli ospiti 9 punti di vantaggio (20-29). Capitan Sergio si dimostra freddo da oltre l’arco ma Amoroso è freddo a rispondere e, a seguito dei due canestri di Mortellaro e ad una pronta risposta di Castelli, Di Paolo chiama timeout  a due minuti dalla pausa lunga (27-33). Golden e Mortellaro piazzano un parziale di 4-0 e, dopo il secondo timeout di Di Paolo che porterà in dote a Chieti i due punti di Piccoli, Forlì risponde sulla sirena con il canestro di Rotondo, facendo attestare il punteggio sul 34-35 alla pausa lunga. 

Dopo 20 minuti i migliori realizzatori della contesa sono Golden (10 punti) e uno strepitoso Mortellaro, tornato ai vecchi fasti (13 punti e 8 rimbalzi), con l’attacco forlivese che vede in Amoroso (7 punti) il proprio principale terminale offensivo. 

Alla ripresa delle ostilità Chieti si porta subito in vantaggio grazie ad una tripla aperta di Piccoli (37-35) ma Castelli è lesto a ripagare con la stessa moneta la difesa abruzzese (37-38). Davis si sblocca dopo un lay up nato da un brillante uno contro uno ma Amoroso non demorde (39-40). Mortellaro continua a raccogliere rimbalzi e realizzare su tap in e Davis si sblocca dall’arco, consegnando a Chieti il proprio massimo vantaggio (44-40). Adegboye, giocatore dal talento cristallino, entra anch’egli in ritmo, realizzando cinque punti di fila e concedendo nuovamente agli ospiti un punto di vantaggio (44-45). Davis entra in ritmo e, con tre triple continuative concede a Chieti un nuovo massimo vantaggio (53-47). La gara ora si affida più sui talenti dei singoli che alle giocate di squadra e Forlì, vedendo ora in Johnson il proprio salvatore, respirano boccate di ossigeno puro, toccando il 54-54 a meno di due minuti dall’ultimo mini intervallo. Forlì ora ritorna a fare la voce grossa a rimbalzo e dopo tre possessi di fila Adegboye è freddo dalla lunetta ma la tripla di Sergio fa gridare di gioia i propri supporters, con Chieti che, al trentesimo, si porta sul 57-56. 

L’avvio dell’ultimo periodo vede gli attacchi sentire particolarmente il peso dell’incontro, con Golden che con un arresto e tiro dalla media distanza sblocca per primo il torpore di inizio quarto (59-56). Pierich, uomo di grandissima esperienza, realizza dalla lunga e Amoroso, con una schiacciata in reverse, trascina i suoi sul +2 (59-61). La gara ora è più combattuta che mai, con Venucci che realizza dall’angolo e Adegobye che risponde a cronometro fermo. Golden in campo aperto si dimostra pericoloso come una tempesta in mare aperto ma un’altra tripla di Pierich concede a Forlì due punti di vantaggio a sei minuti dal termine (64-66). Davis ora è tutt’altro giocatore rispetto a quello visto in quest’ultimo periodo e realizza un canestro clamoroso, non concretizzando però il gioco da tre punti (66-66). Forlì non molla e realizza dalla lunga distanza (66-69) ma Golden dalla media costringe un previdente Valli a chiedere un minuto di sospensione a cinque minuti dalla pausa lunga (68-69). Mortellaro dalla lunetta fa mettere la testa avanti ai biancorossi ma Pierich è sempre l’ultimo a lasciarsi scoraggiare e, emulato nuovamente da Amoroso, concede quattro punti di vantaggio agli ospiti (70-74 a poco meno di tre minuti dal termine). Chieti, famosa per i propri finali a dir poco tragici, questa volta vuole la vittoria a tutti i costi e prima Sergio (2/2) poi Golden (3/4) e Mortellaro (2/2), hanno mano fredda a cronometro fermo, portando nuovamente Chieti in vantaggio (77-74). La difesa biancorossa, a 00:48 dal termine perde colpevolmente la marcatura su Castelli ma lo stesso, solo dopo una situazione di pick’n roll, sbaglia il più facile dei lay up. Chieti ora fa scorrere il cronometro e una tripla di Sergio, vero e proprio cuore di capitano, concede a Chieti il +6 (80-74) a 9 secondi dal termine. La tripla di Castelli e i conseguenti liberi di Golden sono totalmente ininfluenti ai fini del risultato, gara due è di Chieti che dimostra a se stessa e ai propri tifosi di voler mantenere a tutti i costi la categoria. 

PROGER CHIETI - UNIEURO FORLI’ 82-77 (16-24; 34-35; 57-56)

PROGER CHIETI 82: Golden 21 (8/13 da 2, 0/3 da 3, 5/6 ai liberi), Mortellaro 19 (8/11 da 2, 3/4 ai liberi), Allegretti NE, Fallucca 0 (0/1 da 3), Turel 4 (0/3 da 2, 1/4 da 3, 1/2 ai liberi), Venucci 3 (1/1 da 3), Piccoli 5 (1/3 da 2, 1/1 da 3), Ippolito NE, Zucca 1 (1/2 ai liberi), Sergio 13 (1/4 da 2, 3/8 da 3, 2/2 ai liberi), Davis 16 (2/3 da 2, 4/8 da 3, 0/1 ai liberi). 

UNIEURO FORLI’ 77: Adegboye 15 (1/6 da 2, 3/6 da 3, 4/4 ai liberi), Rotondo 6 (2/4 da 2, 2/2 ai liberi), Paolin 4 (1/1 da 2, 0/1 da 3,  2/2 ai liberi), Castelli 11 (2/4 da 2, 2/3 da 3, 1/2 ai liberi), Ferri 6 (0/1 da 2, 2/3 da 3), Amoroso 15 (6/10 da 2, 1/1 da 3), Bonacini 0 (0/2 da 2, 0/1 da 3), Del Zozzo NE, Ravaioli NE, Johnson 7 (2/7 da 2, 1/5 da 3, 0/3 ai liberi), Pierich 13 (1/1 da 2, 3/9 da 3, 2/2 ai liberi). 

PROGER CHIETI 82: 20/37 da 2, 10/26 da 3, 12/17 ai liberi, 37 rimbalzi (di cui 10 offensivi), (Mortellaro 17 di cui 7 offensivi), 19 assist (6 Golden).

UNIEURO FORLI’ 77: 15/36 da 2, 12/29 da 3, 11/15 ai liberi, 37 rimbalzi (di cui 11 offensivi), (Castelli 7 di cui 1 offensivo), 11 assist (Johnson 3).

 

FURIE COMMUNICATION AND PRESS OFFICE

FEDERICO IONATA