• 28 Marzo 2017
  • 317

Bartocci: “Non ci si salva difendendo così male”.

Interviste post partita: Bartocci, Piccoli e Sacco.

Dopo la cocente sconfitta in quel di Recanati, coach Bartocci dichiara laconico: “E’ stata una gara difficile per noi, dopo l’infortunio di Decosey abbiamo dovuto far rientrare Davis che aveva solamente due allenamenti nelle gambe. Sono molto amareggiato perché una squadra che vuole uscire fuori dalla lotta salvezza non può pensare di giocare subendo 94 punti fuori casa. Non ci si salva così, non è questo il modo di giocare e non sono questi l’atteggiamento e la mentalità di una squadra che lotta. Se in tutta fretta capiamo questo è bene, altrimenti le cose diventano sempre più complesse e difficili. Dopo Roseto, con il match finito a punteggio altissimo già dai tempi regolamentari, troppo spesso siamo morbidi in difesa, sbagliando l’atteggiamento. Possiamo anche fare 90 punti ma non è affatto questa la strada giusta”.

Matteo Piccoli, visibilmente dispiaciuto dopo una buona prova personale, dichiara invece: ”Oggi non ha funzionato soprattutto la nostra fisicità, ci hanno sovrastato dentro l’area. E’ una partita che abbiamo perso noi e non possiamo dare la colpa all’arbitraggio perché quando si perde la colpa è sempre la nostra. Abbiamo concesso troppe seconde opportunità, non ci siamo aiutati come avevamo promesso durante la settimana e loro loro sono stati spesso dominanti. Penso che da oggi in poi debba esserci solo una parola nella nostra testa: combattere. Rush e Bader oggi sono stati pressoché incontrastati e io per primo ho sofferto in marcatura e, gravato di falli, sono uscito dall’incontro. Dobbiamo sopperire alle nostre mancanze lottando più degli altri. I leopardiani sono stati più pugnaci di noi e questa è solo e soltanto colpa nostra, non possiamo, non vogliamo e non dobbiamo più sbagliare”.  

Coach Sacco, di contro, afferma: “Ci abbiamo messo troppo tempo per aumentare la pressione e l’aggressività difensiva, se l’avessimo fatto prima visto che era un match da ultima spiaggia, la partita avrebbe avuto un finale meno convulso. Continuiamo a fare sciocchezze, abbiamo subito le penetrazioni di Chieti, arretriamo la difesa di un paio di metri e cambia tutto, riportando Golden e Davis a segnare con continuità. Queste sono le nostre solite pecche, stasera siamo riusciti a vincere ma abbiamo rischiato di perdere un match che avremmo potuto portare in fondo con più tranquillità”.  

 

FURIE COMMUNICATION AND PRESS OFFICE

FEDERICO IONATA